Chini seus

Utente: francosardo
Nome: Sara Chessa
CONSORZIO UNITELSARDEGNA Formaparis: Blog dello Sportello Lingua Sarda dell'Università di Cagliari (a cura di Sara Chessa): un contenitore di notizie riguardanti la lingua e la cultura sarda

Categorias

2011 12 01
2011 12 02
2011 12 03
2011 12 04
2011 12 05
2011 12 06
2011 12 07
2011 12 08
2011 12 09
2011 12 10
2011 12 12
2011 12 14
2011 12 16
2011 12 18
2011 12 19
2011 12 20
2011 12 21
2012 12 29
abbasanta
acadèmia de su sardu
acàdemia de su sardu
accademia de sa lingua campidan
acli
aggius
alà dei sardi
albagiara
ales
alessandro camboni
alessandro mongili
alexandra porcu
alfonso stiglitz
alghero
alimus atlante linguistico
allai
altre minoranze linguistiche
amos cardia
angelo canu
antichi mestieri
antonella m maddalena licheri
antonella sorace
antonietta dettori
antonimaria pala
antonio buluggiu
arbus
ardauli
argentiera
aritzo
armungia
arte e suoni
arvurebirdi
arzachena
aspe nuoro
assemini
associazione babel
associazione don chisciotte
assolo
asuni
atlante toponomastico sardo
atzara
austis
babel
bachisio bandinu
badesi
ballao
banari
banda musicale pergolesi
bandi
baradili
baressa
barisardo
baronia
barrali
barumini
bauladu
baunei
belvì
benetutti
berchidda
berlino
bessude
biblioteca di sardegna
bidonì
bilinguismo
birori
bitti
blasco ferrer
bolotana
bonarcado
bonnanaro
bono
bonorva
borore
bortigali
borutta
bosa
brigata sassari
buddusò
budoni
buggerru
bultei
bulzi
burcei
busachi
bustianu cumpostu
cabras
cada die teatro
cagliari
calangianus
calasetta
cala gonone
calendario
campidanese
capoterra
carbonia
cardedu
cargeghe
carloforte
carovana sarda della pace
carta europea lingue regionali o
castelsardo
cavalcata sarda
centro area 3
centro servizi culturali unla
centro studi bentzon
chia
chiaramonti
chiese campestri
cinemecum
cineteca sarda
cineteca sarda società umanitar
circolo equilibri
claudia zedda
codrongianos
collegium karalitanum
collinas
coloris de limbas
comitadu pro sa limba sarda
concorso
consiglio regionale
consulta giovani bauladu
convegno seminario conferenza
coordinam per la lingua sarda
corsi laboratori lezioni
cortes apertas
cossoine
costa rei
cristiano becciu
cristian urru
cristina lavinio
cros
cucina ricette degustazioni
cuglieri
daniela marzo
decimomannu
desulo
diego corraine
disterraus sardus emigrati sardi
dolianova
domus de maria
donori
dorgali
drer & crc posse
dualchi
eduardo blasco ferrer
eja
elighes uttiosos
elmas
ersu
escalaplano
escolca
esterzili
europa
fabritziu dettori
feste patr sagre fiere rassegne
festival
film o documentario
filodrammatica lasalliana
fils formaz insegn lingua sarda
fluminimaggiore
flussio
folklore
fondazione faustino onnis
fondazione sardinia
fonni
fordongianus
foreste aperte
formaparis
foto
francesca mulas
francesco casula
francesco cesare casula
franciscu sedda
francu de fabiis
fumetti
furtei
gadoni
gairo
gallurese
galtellì
gara poetica cantadoris
gavoi
genoni
gesico
gesturi
ghilarza
giagu ledda
giampaolo pisu
gianfranca piras
gianfranco pintore
gianluigi stochino
gianni loy
gianni mascia
giba
giochi o sport
giulio angioni
giulio solinas
giuseppe corongiu
gli eventi in sardegna
golfo aranci
goni
gonnesa
gonnosfanadiga
gonnosnò
gonnostramatza
gramsci
guamaggiore
guasila
guida lingua sarda
guilcier
guspini
identità
iglesias
ilbono
il minuto
impari po imparai
inno
intervista
irgoli
isili
isperas
isre
istituto bellieni
ittireddu
ittiri
ius3
ivo murgia
jerzu
joyce mattu
khorakhané
laconi
laerru
lanusei
las plassas
la maddalena
la nuova sardegna
làcanas
legge 26 del 97
legge 482 del 99
lei
leopoldo ortu
librenter
libreria murru
libri
limba sarda comuna
liturgia
loceri
lodè
lodine
logudorese
loiri
lollove
lotzorai
lula
lunamatrona
luogosanto
luras
l unione sarda
macomer
malik
mamoiada
mandas
manifesto sardo
mara
maracalagonis
mariantonietta piga
maria antonietta mongiu
marina cafè noir
mario carboni
mario puddu
mario sanna
marrubiu
martis
massimo pittau
masullas
matrimonio asseminese
matrimonio mauritano
matrimonio selargino
maurizio virdis
meana sardo
medas
messaggerie sarde
metodo clil
michela murgia
michele ladu
michele pinna
michele podda
milis
mogorella
mogoro
monastir
monserrato
monteleone roccadoria
monteleone rocca doria
monti
montresta
monumenti aperti
mores
morgongiori
mostra
muravera
muros
musica canti o balli
narcao
nicola cantalupo
nora
noragugume
norbello
nughedu san nicolò
nule
nuoro
nurachi
nuragus
nurallao
nuraminis
nureci
nurri
olata
olbia
oliena
ollolai
olmedo
olzai
onanì
onifai
oniferi
orani
orgosolo
oristano
orosei
orotelli
orroli
ortacesus
ortueri
osidda
osilo
osini
osserv regionale cultura sarda
ossi
ottana
ovodda
ozieri
pabillonis
padria
padru
palau
paola alcioni
paolo bullita
paolo pillonca
pattada
paulilatino
pauli arbarei
pau
pepe corongiu
perdasdefogu
perdaxius
perfugas
pesa universidade de sardigna
piano triennale 2011-2013
pier sandro pillonca
pietro perra
pimentel
pirri
ploaghe
pompu
portoscuso
porto rotondo
porto torres
posada
pozzomaggiore
pratosardo
priamo farris
progetto
progres
provincia carbonia iglesias
provincia di cagliari
provincia di nuoro
provincia di oristano
provincia di sassari
provincia medio campidano
provincia ogliastra
provincia olbia tempio
pro no ismentigare
pubblica amministrazione
pula
putifigari
quartucciu
quartu sant elena
radio
radio press
recital reading letture o poesia
regione sardegna
riola sardo
rita atzeri
rivista
roberto bolognesi
rossella faa
ruinas
sadali
salvatore cubeddu
samassi
samatzai
samugheo
sanluri
santadi
santa giusta
santa maria navarrese
santa teresa di gallura
santu lussurgiu
sant andrea frius
sant anna arresi
sant antioco
sant antonio di gallura
sant efisio
san basilio
san gavino
san giovanni suergiu
san sperate
san teodoro
san vero milis
sara nieddu
sardara
sardegnamondo
sardegna 24
sardegna biblioteche
sardegna democratica
sardegna e libertà
sardegna quotidiano
sardinews
sardi all estero o in italia
sardus pater
sarrabus
sarroch
sarule
sarvadore serra
sassari
sassari notizie
sa bertula antiga
sa die de sa sardigna
scano montiferro
scuola bambini o ragazzi
sedilo
segariu
selargius
selegas
seneghe
senis
senorbì
serdiana
serramanna
serrenti
serri
sestu
settimo san pietro
setzu
seui
siddi
silanus
siligo
siliqua
silius
simala
simaxis
sindia
sini
siniscola
sinnai
sito internet
siurgus donigala
solarussa
soleminis
sorgono
sorradile
sorso
sportelli uffici lingua sarda
statuto sardo
stèvini cherchi
stintino
suelli
su magasinu
su majolu
su postale de sa limba sarda
tadasuni
teatro
telti
tempio pausania
tempus nostru
tergu
terralba
tertenia
teti
teulada
thiesi
tiana
tiscali
tissi
tonara
tonino bussu
toponomastica
torpè
torralba
torregrande
tortolì
tottus in pari
traduzione
triei
tuili
tula
turri
tv
ufìtziu pròvintzia de aristani
ugas
ugo dessy
ulassai
uls ogiastra
uls provìntzia nùgoro
unione comuni parteolla
unione europea
università
università terza età
uras
uri
urzulei
usellus
ussana
ussaramanna
ussassai
uta
valentina schirru
valledoria
vallermosa
vanni masala
villacidro
villagrande strisaili
villagreca
villamassargia
villanovaforru
villanovafranca
villanovatulo
villanova monteleone
villaperuccio
villaputzu
villasalto
villasimius
villasor
villaurbana
villa sant antonio
villa san pietro
villa sergiana
villa verde
visita guidata escursione
vito biolchini
zuri

Links

A.Oppo - Le lingue dei sardi - Una ricerca sociolinguistica
Academia de su Sardu
Acalisa - Accademia Campidanesa de sa Lingua Sarda
Associazione I Sardi.net
Associazione Sel&Sar
Babel Film Festival
Biblioteca Gramsciana
Binnesartu Bilingua
Blog dei circoli degli emigrati sardi
Centro di studi filologici sardi
Cinemecum
Cineteca Sarda
Collana SARDÌNNIA
Comitau.org
Comune di Cagliari
Comune di Cagliari - Elenco Associazioni Culturali
Comune di Elini
Comune di Lanusei
Comune di Monserrato
Comune di Nuoro
Comune di Olbia
Comune di Oristano
Comune di Sanluri
Comune di Sassari
Comune di Selargius
Comune di Tempio
Comune di Villacidro
Comunu de Moguru
Comunu de Su Masu
Consorzio Uno - Sede Universitaria di Oristano
CURSU DE DERETU DE SU TRABALLU
Editori Sardi
Elena Ledda
Emigrati Sardi
Fonte Sarda
Formaparis su Facebook
Gente di Sardegna - La community di Paradisola
Gianfranco Pintore Blog
Guida Lingua Sarda
Ichnussa - la biblioteca digitale della poesia sarda
Il Giornale di Sardegna
Il Messaggero Sardo
Innu sardu
Istituto Bellieni
Istituto Etnografico della Sardegna
Ivo Murgia - Lingua e cultura sarda
L' Altra Voce
L'Unione Sarda
La Nuova Sardegna
Leonardo Cabizza
Limba Sarda
Lingua Sarda - Supereva
Lista Sa Limba
LudoBiblo Di Carla Atzeni
Master di II° livello in "Approcci interdisciplinari nella didattica del sardo"
Master Università di Cagliari
Miur - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Nuraminis Blilingua
Ofitziu de Lingua Sarda Cumunu de Pramantellu
Ofitziu Lingua Sarda Comunu de Samatzai
Presnaghe's Blog di Maurizio Virdis
Provincia Carbonia-Iglesias
Provincia di Cagliari
Provincia di Nuoro
Provincia di Oristano
Provincia di Sassari
Provincia Medio Campidano
Provincia Ogliastra
Provincia Olbia-Tempio
Regione Sardegna - Home
Regione Sardegna - Lingua e cultura sarda
Rossomori
S'Ufìtziu de sa Limba Sarda - Barumini
Santu Sperau Bilingua
Sardegna biblioteche
Sardegna Cultura
Sardegna Cultura - Lingua Sarda
Sardegna Digital Library
Sardinian Mediterranean Imaging Research Group
Sardu.net
Segreteria Studenti - Facoltà di Lettere
Serrenti Sarda
Sinnia bilingua
Sito di Marinella Lorinczi
Sito Formaparis
Sotziu Limba Sarda
Sotziu Limba Sarda - Foumu Limba - Sa boghede sos operadores linguisticos
Su portali de sa lingua sarda
Tonino Rubattu
Ufìtziu Lingua Sarda - Quartu Sant' Elena
Ufítziu de sa Língua Sarda de Scalepranu
Ufficio Stampa del Comune di Cagliari
Ufitziu Comune Siddi
Ufitziu de sa Limba Sarda - Provintzia de Nugoro
UFITZIU DE SA LIMBA SARDA DE SA COMUNA DE SINDIA
Ufitziu Limba Sarda - Provintzia de Aristanis
Ufiziu de Sa Limba Sarda Provìntzia Ogiastra
Unicafor
Unioni de is Comunus de su Partiolla e de su Campidanu 'e Bàscius
Università degli Studi di Cagliari
Università degli Studi di Sassari
Università della terza età - Quartu Sant'Elena
Università tedesche e limba sarda
Ussaramanna Sarda
Vocabolario Sardo
Wikipedia in lingua sarda

Partìcipanta

Fotos noas

Blog foto: Logo semplice
Blog foto: banner com
Blog foto: banner eu
Vedi altri media


Contadori

visitau *loading* bortas
mercoledì, 21 dicembre 2011

Guspini - Gli auguri? In limba

A Guspini gli auguri di Buone Feste si fanno in campidanese. Il buon esempio arriva dalla Consulta della lingua sarda che, in collaborazione con il Comune, sta distribuendo novemila cartoline con nove diverse fotografie d'epoca e la frase Bona paschixedda e atrus annus mellus . L'augurio è ripetuto in venti poster, dislocati nelle principali vie del centro. «L'obiettivo è quello di augurare ai nostri compaesani dei piacevoli momenti di festa cercando di avvicinarli alla lingua sarda. Questa è una delle tante iniziative promosse dalla nostra consulta per salvare le tradizioni locali», commenta il presidente della Consulta, Guido Atzori. Dopo il successo dei cartoncini dello scorso anno, dedicati alle poesie di autori guspinesi, ora si tenta il bis con gli scorci più suggestivi del paese, dal 1900 ad oggi, raccolti dell'appassionato di storia Sergio Montis. Con gli originali biglietti di auguri in limba si promuovo anche i negozi: le cartoline, infatti, si possono ritirare presso le attività commerciali che espongono in vetrina la locandina. Un chiaro invito ad entrare e curiosare nei negozi per averle tutte e nove. Per collezionare questa edizione limitata, da regalare a parenti emigrati, amici o da collezionare, vale la pena, quindi, partecipare ad una piccola e divertente caccia al tesoro. (s.p.)

Da L'Unione Sarda del 21/12/2011

postato da: Sara Chessa alle ore 21/12/2011 10:47 | link | commenti | categorie: guspini, l unione sarda

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Ulassai - Poetessa di Arzana vince Istillas de lentore

Con la composizione Sonànt is campanas, scritta in lingua arzanese, Luisella Monni si è classificata al primo posto nella quinta edizione - sezione Ogliastra - del premio di poesia sarda Istillas de lentore. Al secondo e terzo posto della sezione si sono classificati Antonio Puddu e Giovanni Loddo, entrambi di Ulassai, mentre una menzione è andata a Giulio Cesare Mameli di Ilbono. Per la Sezione Sardegna il primo classificato è invece Giovanni Pira di Orgosolo con Notte mala istanotte, seguito da Salvatore Ladu di Mamoiada e Gonario Carta Brocca di Dorgali. «Ero ancora una ragazzina - racconta Luisella Monni - quando le campane avevano annunciato la morte di una donna del paese durante il parto. Quella vicenda è rimasta impressa in modo indelebile nella mia mente». Giuseppe Cabizzosu, presidente dell'associazione culturale ulassese Sa perda e su entu ha intanto annunciato per l' edizione 2012 del concorso l'inaugurazione della sezione Contos e colores indirizzata alle scuole dell'infanzia, elementari e medie inferiori, dove si unisce l'utilizzo della lingua sarda con la passione per il disegno propria dei ragazzi di quell'età.ni. me. )

Da L'Unione Sarda del 21/12/2011

postato da: Sara Chessa alle ore 21/12/2011 10:44 | link | commenti | categorie: concorso, l unione sarda, ulassai

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Un canto lungo due secoli - Libro in limba con opere di quaranta poeti di Bitti


Dal nostro inviato
Marilena Orunesu

BITTI Quando aveva tredici anni ha iniziato a interpretare “sa oche” dei tenores e anche a raccogliere in un vecchio quaderno con la copertina nera tutti i versi che intonava. Strada facendo si è esibito nelle piazze e nei teatri del mondo senza trascurare mai quelle pagine di preziosi appunti. Ora Daniele Cossellu, leader storico dei tenores “Remunnu 'e Locu” di Bitti, sulla soglia degli 80 anni, raccoglie quel lungo lavoro di ricerca in un libro, “Poetas”, di cui è autore anche Kelleddu Burrai, autore bittese di grande verve satirica.
IL LIBRO Sono quattrocento pagine, tutte naturalmente in limba, secondo la variante bittese, lingua madre degli autori e dei quaranta poeti che hanno composto canzoni e rime, dal 1800 al 2010. Un'antologia di gran valore storico e culturale, come sottolineano davanti a una sala affollatissima Paolo Pillonca, Bachisio Bandinu, Natalino Piras, il sindaco Giuseppe Ciccolini e le tante voci di un pubblico entusiasta. Si ritrovano domenica mattina, nel salone parrocchiale di Bitti, per compiere un viaggio insolito nella memoria del paese, rinata grazie al puntiglioso e appassionato lavoro di studio di Cossellu e Burrai. 
I POETI Il libro - edito con il patrocinio del Comune e della Provincia - propone versi ereditati dalla tradizione orale che rischiavano di andare perduti, rime di autori celebrati come Remunnu'e Locu, Amico Cimino o Crapinu, il padre di Michelangelo Pira, e di poeti rimasti nel circuito locale. Tutti raccontano le mille facce della comunità, il lavoro in campagna e i ritmi urbani, la vita e la morte, la festa e la quoditianità, la donna e l'amore. Dalla storia di ieri e da quella più recente riemergono nomi come Melchiorre Dore, lo zio canonico di Giorgio Asproni, morto nel 1851, il sacerdote-poeta Diego Mele, Ciriaco Mundanu altro autore dell'Ottocento, senza dimenticare Giovanni Proto Arca, vissuto nel sedicesimo secolo. Accanto tanti altri meno acclamati, alcuni viventi. L'omaggio si estende a quaranta autori, proposti secondo una sequenza che non è alfabetica, né risponde ad una gerarchia d'importanza, ma solo al gusto di Cossellu e Burrai, poeti a loro volta.
GLI AUTORI «Poetas racconta cent'anni di solitudine di un paese-mondo», spiegano gli autori. Loro misurano le parole. Ma per mostrare la forza delle poesie proposte nel libro d'obbligo l'esibizione dei tenores “Remunnu 'e Locu”. Cossellu intona, sebbene per una volta l'emozione lo tradisca. Qualche secondo di stop e il canto torna a riecheggiare nella sala. «Sa paraula de s'Ottichentos paret de oie», spiega Bandinu, autore della prefazione del libro, rievocando il valore di rime che rendono attuale anche il mondo di ieri. La platea applaude.


Da L'Unione Sarda del 21/12/2011

postato da: Sara Chessa alle ore 21/12/2011 10:41 | link | commenti | categorie: l unione sarda, bitti, musica canti o balli

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

martedì, 20 dicembre 2011

UNA FONDAZIONE PER CONOSCERE LA CULTURA SARDA, di Francesco Casula


La Fondazione Sardinia ha compiuto 20 anni: li ha festeggiati con un Convegno-studi tenuto al Palazzo Viceregio a Cagliari il 16 e 17 dicembre scorsi, in cui ha discusso su “Intellettuali nella Sardegna contemporanea – la responsabilità degli intellettuali nella Sardegna di oggi”, con personaggi del calibro della psichiatra Nereide Rudas, dei filosofi Remo Bodei e Placido Cherchi, dello storico Federico Francioni, del cantautore Piero Marras, del regista teatrale Piero Marcialis, di Don Mario Cugusi e di tanti altri..
Fondata il 16 gennaio 1991, con il compito precipuo di “attuare tutte le iniziative tendenti a incrementare la presa di coscienza e il diretto protagonismo dei Sardi verso obiettivi di autoconsapevolezza e protagonismo economico, sociale, politico e culturale”, è oggi presieduta da quel raffinato intellettuale che è Bachisio Bandinu. In questi 20 anni ha tenuto una serie sterminata di seminari di studio per giovani e non giovani, ha condotto ricerche mirate su alcuni settori della vita economi­ca, sociale e culturale della Sardegna, ha provveduto a diffondere i risultati della sue ricerche con manifestazioni pubbliche, pubblicazioni e presentazioni di libri.
Nata sull'onda dell'anniversario del Psd'az, e quindi fedele dall'inizio ai temi dell'identità e dell'indipendentismo sardo, ben presto si è aperta ai più diversi approcci: cattolici, non cattolici, liberali sino ai marxisti. Il tutto sempre seguendo un filo comune: “Dare un contributo alla conoscenza della Sardegna”, ha affermato Salvatore Cubeddu, direttore della Fondazione,  perché, precisa, “studiare la nostra Isola è studiare il mondo, e se non siamo noi a studiare la Sardegna non lo fa nessuno”.
Ma la Fondazione non si è limitata allo studio, a “interpretare il mondo” –direbbe Marx – ma ha operato per cercare di cambiarlo. Di qui la sua azione per la promozione e valorizzazione della Lingua e della cultura sarda, fra l’altro curando il monitoraggio fra  il '96 ed il 2000 dell'attuazione dei progetti ex-legge 26 presso le scuole e nei mass-media oorganizzando le celebrazioni per Sa die de sa Sardigna nel 2008. O ancora il suo impegno per l’Assemblea Costituente, attraverso il Comitato nato qualche mese fa: molti fra gli 11 componenti sono soci della Fondazione Sardinia: dai già nominati Bandinu e Cubeddu a Giacomo Meloni segretario della Css.


Pubblicato su Sardegna Quotidiano del 19-12-2011

postato da: Sara Chessa alle ore 20/12/2011 12:15 | link | commenti | categorie: francesco casula, sardegna quotidiano

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

lunedì, 19 dicembre 2011

“Piciocus” senza tempo: Un volume di storie cagliaritane nato per aiutare le piccole librerie

Che differenza c'è tra l'essere un semplice ragazzino e unu piciocu ? La soluzione c'è, basta leggersi Piciocus. Storie di ex bambini dell'Isola che c'è . Un libro ideato dallo scrittore e giornalista dell' Unione Sarda Francesco Abate e realizzato assieme ad altri tre scrittori cagliaritani, Gianni Zanata, Paolo Maccioni, Gianluca Floris, e una sassarese, Silvia Sanna, la più giovane del gruppo, con uno scopo preciso: aiutare le giovani case editrici e i piccoli librai.
L'OBIETTIVO Agli autori del volume, che contiene cinque racconti di storie «vere o verosimili», come sottolinea Zanata, non andrà un euro dalle vendite del volume. «Non è un momento felice per i librai e le piccole case editrici», spiega Abate, «così ho pensato a questo progetto». Dopo aver illustrato la sua proposta a Mario Gelardi, lo scrittore e regista dell'opera teatrale “Gomorra” (tratta dall'omonimo best seller di Roberto Saviano), che da poco aveva creato una casa editrice, subito prende corpo Piciocus .
LA NASCITA È lo stesso Abate a spiegare come gli è venuta l'idea. «Ho visto la foto di Daniele Longoni (che è anche la copertina del libro) dei ragazzini che cercano di aggrapparsi al bus 12 che porta a Is Mirrionis. Mi è piaciuta moltissimo. E così ho pensato di raccontare con alcuni miei amici e coetanei, scrittori come me, gli anni Settanta». Cinque prospettive diverse che descrivono un tempo che non c'è più ma che è rimasto nel cuore di molti sardi. Un esempio? Il Poetto con i casotti dove scorrazzavano orde di ragazzini o le vacanze estive in altre spiagge, magari nella sassarese Platamona, dove interi alberi genealogici organizzavano pranzi onirici e guardavano male «gli ombrelloni con meno di cinque persone».
FUORI PROGRAMMA Il volume è stato presentato nella libreria Piazza Repubblica, c'erano Abate, Zanata, Maccioni e il fotografo Daniele Longoni. In realtà sarebbe dovuto essere solo un normale momento in cui gli autori firmano i libri agli acquirenti. In realtà si è trasformata in una vera e propria presentazione. Decine di persone, dopo le 11, hanno affollato gli spazi tra gli scaffali per ascoltare le storie e le letture di alcuni brani effettuati da Zanata e Maccioni, e gli aneddoti di una città che non c'è più, fatta di piciocus de butega e scorribande scandite a suon di tzugate e surre .
Ma sullo sfondo c'è un periodo che ha lasciato il segno, gli anni Settanta, che nell'Isola, ma specialmente nel capoluogo, attraverso il libro rivive le sue tragedie, i suoi slanci di umanità. Tutto raccontato in prima persona dai piciocus di allora. Che regalano le loro storie solo a piccoli editori e librai. Ma emozioni e ricordi un po' maliconici a tutti.
Mario Gottardi

postato da: Sara Chessa alle ore 19/12/2011 08:13 | link | commenti | categorie: libri, l unione sarda

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Toponimi nel Medioevo: domani un convegno

Una mostra sui nomi e sui toponimi di Maracalagonis e Sinnai nel Medioevo. È l'iniziativa in corso a Maracalagonis condita da dibattiti e convegni. La rassegna, voluta in occasione dei quindici anni di attività del giornalino locale "Hamara" e che andrà avanti sino a domani, è aperta nella sede della ex Casa Cocco in piazza Chiesa. Grande il successo sinora riscosso. Particolarmente seguito il dibattito con gli studiosi Pinuccio Soru e Giovanni Serreli. Per domani alle 19 è in programma un altro incontro su "Hamara si racconta: 15 anni di attività insieme".
«È una iniziativa dedicata alle attività svolte dalla nostra associazione in questi tre lustri, soprattutto attraverso il periodico Hamara», ha spiegato Maria Rosaria Demuro, presidente di "Hamara".
 (ant. ser.)

Da L'Unione Sarda del 19/12/2011

postato da: Sara Chessa alle ore 19/12/2011 08:11 | link | commenti | categorie: sinnai, l unione sarda, maracalagonis, convegno seminario conferenza, 2011 12 20

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Sedilo - Game in sardo, si scarica dal web

Battesimo ufficiale giovedì a Sedilo per il videogioco Si ses atzudu, Ajò! Ite b'at… cuadu in dae segus de sa ghenna? in limba. Il lavoro, realizzato con un progetto che vede insieme i Comuni di Sedilo, Paulilatino e Fordongianus, è stato presentato ai ragazzi delle scuole medie. E i giovani hanno apprezzato l'iniziativa. Il sindaco Umberto Cocco e il dirigente scolastico Carlo Passiu si sono soffermati sull'importanza di valorizzare il sardo mentre nei dettagli del progetto sono entrati Sara Firinu (autrice dei testi) e Paolo Congiu che si è invece occupato di grafica, musica e programmazione. Protagonisti del videogioco Archilai, Diadoru e Titinu, tre personaggi grazie ai quali si apprendono la lingua sarda scritta. Da oggi il gioco potrà essere scaricato dai siti della Polgames e dei Comuni di Sedilo, Paulilatino e Fordongianus.a. o. )

Da L'Unione Sarda del 19/12/2011

postato da: Sara Chessa alle ore 19/12/2011 08:09 | link | commenti | categorie: sedilo, l unione sarda, giochi o sport

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Posada - Dìsputa de marìglia

 

postato da: Sara Chessa alle ore 19/12/2011 07:47 | link | commenti | categorie: posada, sportelli uffici lingua sarda, giochi o sport, uls provìntzia nùgoro, angelo canu, 2012 12 29

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Parte da Alghero la battaglia per la Lingua sarda



La campagna 
invernale per il Sardo

 

di Francesco Casula

 

Parte da Alghero la campagna invernale per la lingua sarda. A lanciarla sono i partecipanti alla Conferenza regionale annuale tenutasi nei giorni scorsi nella cittadina catalana: artisti, musicisti, poeti, scrittori, docenti, operatori degli Ufitzi de sa limba. In una lettera-documento con ben 16 punti, inviata all’Assessore della Cultura Milia, a Cappellacci, alla Lombardo, ai Presidenti delle Commissioni Cultura, Autonomia e Bilancio del Consiglio regionale, sintetizzano le richieste più urgenti per una reale politica tesa a insegnare,valorizzare, diffondere il Sardo. Ad iniziare dall’aumento degli stanziamenti in modo tale che l’Assessorato alla cultura possa destinare al Sardo, per il 2012, almeno il 2% del suo budget e per il 2013 il 3%.

 

Per quanto attiene specificatamente alla scuola si propone che venga istituito un esame di lingua sarda nei corsi di laurea di tutte le facoltà e che sia introdotto l’insegnamento della musica, della danza e della poesia sarda in tutte le scuole. Si chiede inoltre che siano confermati gli impegni da parte delle istituzioni preposte alla formazione degli insegnanti, in particolare dall’Università di Sassari, affinché nei corsi di formazione finanziati dalla RAS, oltre che nei laboratori, le discipline che fanno parte del programma di formazione siano impartite per almeno il 50% delle ore in Sardo. Sempre a proposito della scuola, si sollecita la Direzione scolastica regionale, perché, in accordo con la Ras, dia urgentissime e precise indicazioni alle scuole sarde affinchè indichino nelle domande di iscrizione presentate dalle famiglie, ad inizio di anno scolastico, innanzitutto la scelta del Sardo accanto ad altre lingue possibili.

 

Di particolare interesse la proposta di una modifica costituzionale per introdurre la lingua sarda nello Statuto sardo come lingua nazionale dei Sardi, coufficiale con l’Italiano.

 

Vi sono poi richieste particolari ma di grande valore: l’adozione dell’onomastica in Sardo (nomi e cognomi), in modo ufficiale, anche con apposite campagne di promozione; l’estensione a tutta la Sardegna della cartellonistica di entrata/uscita con i macrotoponimi in sardo e nelle lingue minoritarie della Sardegna, almeno nei comuni; l’inclusione nella annunciata Scuola Digitale, a pieno titolo e in condizioni di parità con le altre lingue previste, della lingua sarda.

 

Pubblicato su Sardegna quotidiano il 17-12-2011

 

postato da: Sara Chessa alle ore 19/12/2011 07:43 | link | commenti | categorie: francesco casula, sardegna quotidiano

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Recensione di UOMINI E DONNE DI SARDEGNA (Alfa Editrice)


 

 


di Giancarlo Bruschi

Per meglio capire l’opera che viene presentata sono necessarie alcune brevi note sulla formazione culturale dell’autore. Francesco Casula asserisce di avere iniziato ad apprendere l’italiano a sei anni dopo avere usato sino a quell’età la lingua di Ollolai come lingua madre. Segnalare questo fatto mi sembra importante per verificare la possibilità di mantenere la piena padronanza della lingua appresa dalla nascita, nella quale di solito si continua a pensare,e - a penare - e conseguire nel contempo la piena padronanza di una seconda lingua, in questo caso l’italiano, con la facoltà di scegliere di volta in volta quella che si ritiene di usare, cosa che Francesco fa con grande consapevolezza e misura in ogni caso. Ho detto ciò perché probabilmente uno dei temi del dibattito sarà proprio quello della lingua. Secondo momento rilevante della formazione di Francesco Casula è la frequentazione della Scuola dei Gesuiti, dopo le elementari, che ad una naturale disposizione allo studio e alla riflessione ha aggiunto l’abitudine del ragionamento, la disciplina formale, l’ordine espositivo, oltre che l’autocontrollo in termini più generali. La laurea conseguita presso l’Università di Roma alla scuola dei migliori maestri dell’epoca ha completato la formazione. L’acquisizione di questi presupposti lo ha messo in condizione di proporre un testo pieno di suggerimenti e suggestioni, ma anche leggibile da chiunque voglia mettere l’impegno per entrare in terreni oggi poco frequentati o voglia evitare di alimentarsi di luoghi comuni. L’opera presenta 15 figure della storia e della cultura sarda la cui rivisitazione può portare ad arricchire un patrimonio di conoscenze che ci consentono di vedere meglio il nostro mondo, in particolare si tratta di Amsicora, Eleonora di Arborea, Sigismondo Arquer, Giommaria Angioy, Grazia Deledda, Antonio Gramsci, Marianna Bussalai, Montanaru, Antonio Simon Mossa, Emilio Lussu, Giuseppe Dessì, Grazia Dore, Francesco Masala, Eliseo Spiga, Giovanni Lilliu. La narrazione spazia su oltre 2200 anni e quindi nella lettura occorre sempre ricordarsi che spesso si ha a che fare con uomini e donne di tempi diversi e di culture lontanissime tra loro, per fare u esempio la nozione di Stato e di cittadino posseduta da Eleonora, nulla ha a che fare con quella che abbiamo noi.

 

Fatto ancora più interessante è che i testi dedicati alle diverse personalità sono nati in sardo e quasi tutti pubblicati separatamente, e riuniti in questo unico volume, riproposti oggi in un ineccepibile italiano, ricchi di una parte antologica e di riferimenti a scritti che riconducono alla personalità presa in considerazione.

 

Mi sembra importante richiamare l’attenzione sull’utilizzo della prosa scritta sarda, alla quale siamo meno abituati, per l’elaborazione di testi importanti e complessi. Bisogna anche sottolineare che spesso siamo più portati ad ascoltare le storie, anziché conoscere la storia. Le storie portano spesso lontano dalla verità affascinano come un flauto magico e distolgono dalla realtà. Casula è riuscito a restare nella storia pur mantenendo un tono di narrazione che non è né pedante né piattamente scolastico, ma trattiene l’attenzione del lettore anche su argomenti di una certa complessità. Attraverso queste figure proposte si fa nascere una proposta che potrebbe configurare quella di un uomo o di una donna da portare come modello anche per il futuro sviluppo della Sardegna. Nasce un’idea di sviluppo e di crescita dell’isola che supera i luoghi comuni troppo facilmente affermati dell’autonomia o dell’indipendenza della Sardegna, perché l’autore resta sempre con i piedi ben saldi per terra e non si fa sfuggire i limiti di un progetto di crescita che non può fondarsi sui desideri o peggio sui generici proclami politici, ma deve partire da una profonda meditazione sulla realtà e camminare su gambe ben allenate. In questa luce meriterebbe un approfondimento il forte richiamo alla costante resistenziale, attribuita ai sardi dal Prof.Lilliu, perché mi sembra che il concetto di costante resistenziale implichi una costante tensione ed un costante rigore politico e culturale che male si accompagnano al bisogno di aperture e abbandoni di diffidenze - a priori- che il concetto di resistenza così fortemente immanente nei testi del Lilliu presuppone.

 

La brevità del tempo a disposizione non consente un esame più approfondito.

 

Tra i temi che emergono vi sono quello della lingua, con un percorso che va da Eleonora d’Arborea, a Sigismondo Arquer, passando da Grazia Deledda, Dessì, Lussu, Gramsci.

 

Il secondo tema è quello dell’organizzazione sociale, della riflessione sulla condizione umana, le prospettive per una migliore organizzazione sociale e politica, in particolare l’autonomia o l’auspicata indipendenza.

 

La consapevolezza delle necessità di non cadere nella retorica porta l’autore a proporre una serie di figure apparentemente sconfitte.

 

Amsicora, Arquer, Gramsci, Antonio Dore. Mi sembra importante soffermarsi su queste figure che consentono di avere una visone non localistica, ma ampiamente nazionale e nel contempo pienamente sarda, nel senso migliore, di personalità che hanno conservato in pieno la loro dignità e forza autentica di sardi pur operando in contesti più vasti che ai loro tempi superavano i confini regionali, sia politici che culturali.

 

Amsicora, per quello che è possibile saperne dalle fonti storiche è un capo delle popolazioni sarde che erano entrate in contatto con la potenza cartaginese che occupava prevalentemente le coste sarde con importanti stanziamenti. Erano gli anni delle guerre tra Roma e Cartagine per il controllo del mediterraneo, era in atto una scontro mortale tra le due più importanti civiltà del mondo occidentale di quell’epoca. La figura di Amsicora si pone dunque come interlocutore tra le popolazioni autoctone della Sardegna e le due grandi potenze internazionali che si combattevano. In gioco è l’assoggettamento della Sardegna al potere di Roma che in questo caso non tende a fare dei sardi degli alleati ma delle popolazioni totalmente sottomesse. Amsicora è quindi un capo locale sardo, come, lo si era allora, ma politicamente capace di stare ai massimi livelli della politica internazionale del tempo. Dopo la morte del figlio Iosto, che imprudentemente ha ingaggiato battaglia con i romani, Amsicora preferisce suicidarsi anziché cadere prigioniero. Sconfitto ma moralmente vincitore é come tale ricordato. Queste guerre sono anche l’occasione per tenere presente che la Sardegna con la sua posizione geografica finisce con essere coinvolta in tutta la storia geo- politica del mediterraneo; di ciò bisogna tenere conto per non cadere in una visione familistica e localistica dello sviluppo della società sarda.

 

Per quanto riguarda Sigismondo Arquer si tratta di un suddito spagnolo, nato a Cagliari, uomo di grande rettitudine morale e capacità professionale per gli studi seguiti a Pisa, dove apprende l’italiano, perfeziona il possesso del latino, lingua ai tempi internazionale e necessaria per qualsiasi contatto internazionale, come oggi l’inglese. In particolare entra in contatto con il fermento culturale legato alla riforma luterana e quindi al Protestantesimo. Il mondo, dopo la scoperta dell’America sta uscendo dalla visione ristretta del mediterraneo, per aprirsi agli Oceani. Una dimensione troppo grande per le beghe cagliaritane, che porteranno in carcere prima il padre e poi lui stesso con l’accusa di eresia. Erano i tempi in cui anche le regine potevano essere accusate di eresia e se non condannate, seriamente esautorate. Nel contesto della sua permanenza in Svizzera, sarà invitato redigere un testo riguardante la storia e la geografia della Sardegna, in latino, che per anni sarà il modello di tali opere; in Sardegna l’opera fu largamente copiata dal Fara, vescovo di Bosa e poi di Alghero, che ebbe poi modo di preoccuparsi per le fonti, provenienti da un eretico, utilizzate. L’accusa di eresia pur formulata nel contesto di beghe locali, diventa un atto di tragica gravità, poiché la mostruosa organizzazione chiamata Inquisizione Spagnola una volta avviata si auto alimenta. E Arquer per certi versi, eretico lo è davvero, essendo molto vicino al pensiero genericamente definito Luterano. L’unica via di salvezza sarebbe stata l’abiura totale, nonché l’indicazione di chi a sua conoscenza partecipasse delle stesse idee. Torturato, incarcerato per oltre 7 anni, non tradisce gli amici e non abiura. La fine è scontata, solo un colpo di alabarda infertogli mentre conferma la sua innocenza lo sottrae alla tortura finale del fuoco. Casula spinge la sua apertura ponendo un catalano, prima funzionario a Cagliari, poi per un certo tempo in Spagna, tra le figure di sardi meritevoli di essere ricordate; è il segno di una visione ampia e culturalmente feconda dello sviluppo della Sardegna.

 

Antonio Gramsci, sardo nel senso migliore, per temperamento determinazione e serietà, è pure lui vittima prima di tutto della sua coerenza che non prevede abiure, sia nei confronti del fascismo, ma anche della sua visione del riscatto dell’Italia nell’ambito della poi fallita rivoluzione socialista. In questo contesto entra in contrasto con le tesi ufficiali genericamente riferibili a Mosca, e subisce in carcere l’isolamento da parte dei detenuti politici comunisti genericamente definibili stalinisti, ma non è neppure destinatario di seri tentativi di ottenerne la liberazione. La pubblicazione dei quaderni dal carcere è stata tortuosa, tormentata, quasi l’opera di un eretico. Anche in questo caso appare come vittima di una mostruosa religione laica, negatrice di ogni libertà individuale, in nome di un’astratta ragione di Stato.

 

Antonio Dore seguirà anche lui la strada dell’isolamento, sempre ad opera dello stesso gruppo opposto a Gramsci- Togliatti per la cronaca- che qualche decennio dopo decapitò di nuovo il gruppo dirigente del PCi sardo guidato allora da Renzo Laconi. Innumerevoli appaio gli spunti che d’improvviso emergono nel contesto del libro. Sulla complessità del pensiero gramsciano , mi viene in mente un colloquio con un famoso antifascista a suo tempo carcerato; noi giovani curiosi di conoscere dal vivo notizie sul personaggio Gramsci chiedevamo notizie, senza avere concrete risposte. Alla fine, preso coraggio, sbottò: Gli puzzavano i piedi. E quando ci lamentavamo, si toglieva le calze e le metteva in tasca.

 

Per quanto riguarda le figure femminili appaiono di particolare interesse la Bussalai e le sorelle Dore. La prima profondamente impegnata nell’azione politica, legata al meglio della classe politica sarda antifascista, le seconde, donne di grande forza promotrici di attività dedicate all’educazione e quindi alla modificazione dall’interno della società della Sardegna centrale, legate al mondo culturale romano prima, fondatrice di un ordine religioso - Peppina- e pedagogiste e scrittrici le seconde( Grazia e Raffaella). Assieme ad Antonio Pigliaru, ed altri giovani intellettuali, diedero origine ad un movimento legato alla rivista Ichnusa che per circa un decennio ha influenzato il rinnovamento della scuola dell’obbligo, almeno nel nuorese e in certe zone del sassarese, portando anche un soffio di novità nella vita politica sarda. Negli stessi anni scriveva Albino Bernardini e nasceva il movimento di cooperazione educativa, del quale alcuni di noi hanno fatto parte.

 

Uno spazio a parte merita Dessì che con l’opera letteraria ha raccontato con autenticità e profondità il mondo arcaico della Sardegna della sua infanzia, cogliendone gli aspetti poetici ma anche quelli crudamente reali della povertà e della morte, senza cadere mai nella retorica compiaciuta. L’uso della lingua, senza bisogno di pesanti inserimenti di termini sardi, riesce a calarci con realismo poetico in quel mondo che era stato anche dell’infanzia di Gramsci e di Lussu.

 

Lussu per un verso incarna le contraddizione del sardo volontario e combattente nella prima guerra mondiale, e antifascista poi, ma sempre punto di riferimento dei suoi ex compagni di trincea, teorico di una moderna forma di organizzazione statale che con grande lucidità, prospetta per l’Italia del secondo dopoguerra, come un organico federalismo, con consapevolezza piena degli obiettivi e delle difficoltà, senza cedere a sogni astratti di indipendenza di fantasia. Nella rigorosa ricostruzione dei fatti l’autore cita uno scontro tra Lussu e Gullo -allora importante dirigente del PCi- che contrasta l’idea del federalismo, in coerenza con l’idea centralista del PCI. L’avvocato Gullo, calabrese, confinato in Sardegna, per lungo tempo fu ospite della casa di mio nonno, e questa notazione mi rende più attuale il testo; questa paradossale condizione riservata a confinati politici, ricevuti nelle famiglie buone della città, che in futuro avrebbero avuto ruoli importanti nella vita politica italiana, ricordo ancora Pietro Mancini, meriterebbero una approfondita riflessione sui rapporti tra fascismo e antifascismo a Nuoro.

 

In questo senso, come ritorno finale alla realtà, non si può ignorare Francesco Masala, autore del testo “Quelli dalle labbra bianche”, spesso ingiustamente ignorato, ma anche di dure e paradossali riflessioni sulla effettiva consistenza di certe vittorie di cui non sembra meritorio gloriarsi. Avere sconfitto i francesi, al momento della rivoluzione francese, è stata una vittoria, o la restituzione ai Piemontesi e aggiungo io ai feudatari o proprietari sardi, il controllo dell’Isola? Come deve essere valutata la cacciata degli impiegati Piemontesi da Cagliari, mentre si invocava il Re? Concludendo pongo una domanda: è meglio una perenne recriminazione contro l’invasore o padrone di turno o è meglio l’operoso e quotidiano impegno delle sorelle Dore? Leggere per intero il libro, provocatorio e ricco di suggestioni, può servire a trovare risposte e nuove domande.

postato da: Sara Chessa alle ore 19/12/2011 07:41 | link | commenti | categorie: libri, francesco casula

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

venerdì, 16 dicembre 2011

Sindia - Premiados e Premiaduras de su Cuncursu de Poesia "SU CASU"

postato da: Sara Chessa alle ore 16/12/2011 10:02 | link | commenti | categorie: concorso, sportelli uffici lingua sarda, sindia, mario sanna, 2011 12 18

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

giovedì, 15 dicembre 2011

Cagliari - Presentazione del libro "Tzacca Stradoni", di Gianni Mascia

postato da: Sara Chessa alle ore 15/12/2011 11:28 | link | commenti | categorie: libri, cagliari, gianni mascia, 2011 12 20

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

mercoledì, 14 dicembre 2011

Berchidda - “Leghimus in sardu”

A pustis de s’èsitu bonu chi b’at àpidu in medas biddas de sa Gaddura, s’Ufìtziu de sa Limba Sarda de sa Provìntzia de Terranoa Tèmpiu, paris cun sa Comuna de Berchidda, cun sas editziones Papiros e sa biblioteca comunale Pedru Casu organizat pro lunis 19 de nadale a sas 15.30 in su Teatru de Santa Rughe in pratza de su Pòpulu un’initziativa chi faghet parte de sa rassinna “Leghimus in sardu”. Sa manifestatzione, in ue ant a èssere presentados sos libros noos de sa Pimpa de Altan in limba sarda, faghet parte de una fase conclusiva de unu progetu chi si narat “Imparamus su sardu (cun sa Pimpa) e difendimus sa terra nostra” chi at interessadu sos pitzinnos de unas cantas  classes de s’iscola primària “Pedru Casu” chi ant sighidu letziones in limba sarda in oràriu curriculare e in ue sunt istados impreados sos libros de sa Pimpa comente materiale didàticu.
A pustis de sos saludos de su sìndigu Bastianinu Sannitu, de s’Assessora de sa cultura Monda Apeddu e de sa Dirigente iscolàstica Giuseppa Pinna at a interbènnere Diegu Corràine chi at a faeddare de s’esperièntzia sua comente editore de libros pro pitzinnos in limba sarda. Gràtzias a su coordinamentu de sas mastras e de Juvanna Tuffu, responsàbile de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda de sa Provìntzia de Terranoa Tèmpiu, ant a èssere sos iscolanos sos protagonistas veros chi ant a espònnere sos traballos issoro e chi, a s’agabbu de su sero, ant a èssere premiados.
Finas custa initziativa faghet parte de sas atividades de promotzione e de valorizatzione  de su sardu e cheret mustrare comente s’impreu de su sardu potzat èssere “normale” non setzi in àmbitu familiare, ma finas pro sa presentada de unu libru, de una pellìcula, de unu cartone animadu o pro iscritas de impreu pùblicu comente sas locandinas.
Sa manifestatzione est indiritzada a sos pitzinnos ma finas a sas famìlias, a sas mastras e a totu cussos chi bi tenent a sa tutela de su patrimòniu linguìsticu nostru. In un’època chi totus mutint de sa “globalizatzione”, in ue sas culturas e sas limbas minoritàrias arriscant s’estintzione, sas manifestatziones comente custa chi mirant a sinnalare s’importàntzia de sa trasmissione intergeneratzionale de una limba, sunt una manera importante pro incuragiare sa diversidade linguìstica e s’educatzione multilinguìstica.

 

Dopo il successo ottenuto nei diversi centri della Gallura, l’Ufficio della Lingua Sarda della Provincia di Olbia Tempio, in collaborazione con il Comune di Berchidda, con le edizioni Papiros e con la biblioteca comunale “Pietro Casu” organizza per il prossimo lunedì 19 dicembre alle ore 15.30 al Teatro Santa Croce  in piazza del Popolo un’iniziativa che fa parte della rassegna “Leghimus in sardu”. La manifestazione, durante la quale verranno presentati i nuovi libri della Pimpa di Altan in lingua sarda, fa parte di un percorso conclusivo di un progetto dal titolo “Imparamus su sardu (cun sa Pimpa) e difendimus sa terra nostra” che ha coinvolto i bambini di alcune classi della scuola primaria “Pietro Casu” che hanno seguito lezioni in lingua sarda in orario curricolare e in cui sono stati utilizzati i libri de la Pimpa come materiale didattico.
Dopo i saluti del sindaco Bastianino Sannitu, dell’assessora alla cultura Monda Apeddu  e della dirigente scolastica Giuseppa Pinna interverrà l’editore di Papiros Diego Corraine che parlerà della sua esperienza di editore di libri per ragazzi in lingua sarda. Grazie al coordinamento delle insegnanti e di Giovanna Tuffu, responsabile dell’Ufficio della Lingua Sarda della Provincia di Olbia Tempio, saranno gli allievi della scuola i veri protagonisti che esporranno i loro lavori e che, in conclusione di serata, saranno premiati.
Anche questa iniziativa rientra tra le attività di promozione e di valorizzazione del sardo e tende a dimostrare come l’uso del sardo possa essere “normale” non solo in ambito familiare, ma anche per la presentazione di un libro, di un film, di un cartone animato o per le scritte d’uso pubblico come locandine.
 L’iniziativa è rivolta ai bambini ma anche alle famiglie, agli insegnanti e a tutti coloro che hanno a cuore la tutela del nostro patrimonio linguistico. Nell’epoca della cosiddetta globalizzazione in cui le culture e le lingue minoritarie sono a rischio di estinzione, le manifestazioni come questa che mirano a sottolineare l’importanza della trasmissione intergenerazionale di una lingua, sono un modo importante per incoraggiare la diversità linguistica e l'educazione multilinguistica.

 

postato da: Sara Chessa alle ore 14/12/2011 11:42 | link | commenti | categorie: libri, berchidda, sportelli uffici lingua sarda, 2011 12 19

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

martedì, 13 dicembre 2011

In doru pa lu patriotu Francesco Dettori

postato da: Sara Chessa alle ore 13/12/2011 10:40 | link | commenti | categorie: fabritziu dettori

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

lunedì, 12 dicembre 2011

Regione Sardegna - Bandi


 


Carchi passu resessimus a lu fàghere galu, mancari tzopi tzopi, mesches in custos temas.
Traballade in custos bandos ca tempos mègius ant a lòmpere.




Mèdios de comunicatzione

http://www.regione.sardegna.it/j/v/28?s=1&v=9&c=88&c1=88&id=27881


Operas didàticas de e in sardu

http://www.regione.sardegna.it/j/v/28?s=1&v=9&c=88&c1=88&id=27863


Bortaduras de clàssicos de sa literadura europea in sardu

http://www.regione.sardegna.it/j/v/28?s=1&v=9&c=88&c1=88&id=27833

postato da: Sara Chessa alle ore 12/12/2011 15:04 | link | commenti | categorie: bandi, regione sardegna

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

mercoledì, 07 dicembre 2011

Cagliari - Sa Repentina

postato da: Sara Chessa alle ore 07/12/2011 12:16 | link | commenti | categorie: cagliari, musica canti o balli, 2011 12 12

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

martedì, 06 dicembre 2011

Cagliari - IUS3: La Sardegna durante il Medioevo


IUS 3, in collaborazione con la Biblioteca Comunale, presenta un incontro dedicato alla Sardegna nel periodo dei Giudicati. Mercoledì 14 Dicembre presso la biblioteca di via Venezia con inizio alle ore 17,00, la relatrice Erica Olmetto illustrerà il percorso compiuto dalla Sardegna durante il Medioevo, dalla caduta dell'Impero Romano all'invasione dei Vandali; dal dominio bizantino alle scorrerie dei pirati saraceni, alla nascita dei Giudicati; dall'arrivo dei monaci benedettini ed alla loro opera missionaria, alla protezione delle Repubbliche Marinare Pisa e Genova. Ma anche la nascita e lo sviluppo dell'architettura romanica, che in Sardegna ebbe notevole importanza e che vide la realizzazione di importanti opere e monumenti. La partecipazione è libera e gratuita. Info: 3457483411.

postato da: Sara Chessa alle ore 06/12/2011 09:10 | link | commenti | categorie: cagliari, università terza età, ius3, convegno seminario conferenza, 2011 12 21, 2011 12 14

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

lunedì, 05 dicembre 2011

Cagliari - Dal villaggio alla nazione. La costruzione delle borghesie in Sardegna


La società genealogica sarda, in collaborazione con le edizioni AM&D, organizza per il prossimo venerdì 9 dicembre 2011, alle ore 17, presso la Società degli Operai di via XX Settembre a Cagliari, la presentazione del volume di Giampaolo Salice dal titolo "Dal Villaggio alla nazione. La costruzione delle borghesie rurali in Sardegna".

Interverrà il prof. Stefano Pira che illustrerà il libro e seguirà il dibattito al quale parteciperanno l'autore e alcuni rappresentanti della famiglia Cocco Ortu.

Sarà presente l'autore.

* Più INFO sul volume QUI

* Come arrivare QUI

postato da: Sara Chessa alle ore 05/12/2011 09:24 | link | commenti | categorie: libri, cagliari, khorakhané, 2011 12 09

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

venerdì, 02 dicembre 2011

Sardara - Festa de Su Binu Nou




 

SARDARA Giovedì 8 Dic  2011 ore 15:00 – FESTA DE SU BINU NOU – SCARTEDDU DE PASCHIXEDDA SARDARESA

Ritorna SA FESTA DE SU BINU NOU. Grazie a Pro Loco, Comitato di Sant’Anastasia e s’Arcieri sostenuti dal Comune, si mangia e si beve: maiale e salsiccia arrosto, castagne, vino novello della migliore produzione nostrana. Il cuore della festa è sa Pratza de Mercau punto di partenza per visitare il nostro bel centro storico. Non mancheranno canti e balli folk del Gruppo Santa Maria Aquas, musiche della banda musicale SMS e is Cantadoris a Arrepentina.  A fare da cornice alla festa saranno non solo le esposizioni dei produttori locali e dei bambini che proporranno le loro creazioni/giochi ma anche la mostra di pittura di Tonio Spada visitabile nella vicina Casa Pilloni.
Ma questa non è solo una festa, un’occasione di incontro e di socializzazione, ma anche di promozione turistica/economica con la presentazione de “su Scarteddu de Paschixedda Sardaresa”. Un paniere che contiene prodotti alimentari di Sardara: salumi, miele, dolci tipici, vino, olio, zafferano, ecc., e vuole proporsi come valida alternativa ai cestini natalizi, per lo più confezionati al di fuori della nostra isola, che con panettoni, pandori e spumanti (anch’essi per lo più continentali) invadono gli scaffali dei nostri negozi e poi quelli di casa nostra, e che di certo non aiutano la povera economia sarda. Un segnale importante dunque da parte di una comunità che reagisce alla crisi e che ci aiuta a risolvere il dilemma che spesso ci coglie con l’avvicinarsi delle feste natalizie, quando invitati al pranzo di Natale/cenone di capodanno ci apprestiamo ad acquistare un dono ai padroni di casa: panettone o pandoro? E quale spumante? Oggi abbiamo un’alternativa tutta nostra: “Scarteddu de Paschixedda Sardaresa”.
 
Torrat SA FESTA DE SU BINU NOU. Gràtzias a Pro Loco, Comitau de Sant’Anastasia e s’Arcieri sustènnius de su  Comunu, si papat e si bufat: petza de procu e sartitzu arrustu, castàngia, su mellus binu nou cosa nosta. Su coru de sa festa est sa Pratza de Mercau, logu de anca si podit partiri po bisitai su centru stòricu nodiu. No ant a amancai cantus e ballus folk de su Gruppo Santa Maria Aquas, mùsica de sa banda musicali SMS e is Cantadoris a Arrepentina. A arricai a sa festa ant a essi no sceti is  produsidoris de is prodùsius de Sàrdara e de is piciocheddus chi proponnint is creatzionis/giogus insoru ma s’amosta de pintura de Tonio Spada chi si podit bisitai in sa Domu de Pilloni inguni acanta.
Ma custa no est sceti una festa, un’ocasioni de si biri apari e de socializatzioni, ma de promovidura turìstica/econòmica cun sa presentada de su “Scarteddu de Paschixedda Sardaresa”. Unu scarteddu chi cuntennit prodùsius alimentaris de Sàrdara: salumis, meli, drucis tìpicus, ollu, tzafaranu, ec., e si bolit proponni po essi un’àteru sceberu a is “cestini natalizi”, chi funt prus che àteru fatus in continenti, e chi cun panetoni, pandorus e spumantis (cussus puru prus de totu continentalis) ndi prenint is parastàgius de is butegas nostas, e agoa cussus de domu puru, e chi de seguru no agiudant sa pòbura economia sarda. Unu sinnali importanti duncas chi partit de una comunidadi chi si fùrriat a sa crisi e chi s’agiudat a si decidi in su dilema  chi bortas meda teneus cun s’acostai de is festas de Paschixedda, candu cumbidaus a su pràngiu de Paschixedda/po sa noti de cena s’aprontaus a comporai unu donu po su meri de domu: panetoni o pandoru? E cali spumanti? Oi teneus un’àteru sceberu: “Scarteddu de Paschixedda Sardaresa”.
 
Pro Loco Sardara

postato da: Sara Chessa alle ore 02/12/2011 11:34 | link | commenti | categorie: sardara, feste patr sagre fiere rassegne, 2011 12 08

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

giovedì, 01 dicembre 2011

Grande successo per la serata di apertura della rassegna internazionale Passaggi d'Autore: intrecci mediterranei 2011


Inizia molto bene la settima edizione della rassegna internazionale di cortometraggi Passaggi d'Autore: intrecci mediterranei che si terrà presso la sala consiliare del comune di Sant'Antioco nei giorni 4, 5, 6, 7 e 8 dicembre 2011.

Il pubblico ha dimostrato di apprezzare i film presentati, dedicati esclusivamente alla “primavera araba”. Dodici cortometraggi sulle rivolte che hanno occupato la cronaca degli ultimi mesi della sponda sud del Mediterraneo, opere di giovani registi della Tunisia e della Siria.
I film provenienti dalla Siria sono girati dagiovani registi appartenenti al Collectif Abounaddara e diffusi nel web ogni venerdì, giorno di preghiera e di protesta. Film brevissimi che spiegano la cronaca di questi mesi, forse meglio di un lavoro giornalistico. La qualità delle immagini a volte non è eccellente, girate con telefoni e poi postate su internet con enormi rischi.
La Siria, purtroppo, è ancora sotto assedio del governo dittatoriale, che sopprime le proteste pacifiche nel sangue (non risparmiando bambini e donne), proteste che chiedono solo democrazia e partecipazione.
I film della Tunisia sono stati girati durante la rivolta tunisina dagli allievi del grande regista Nouri Boudiz, docente all’Ecole des arts et du cinema di Tunisi. In entrambi i casi si tratta di giovani che volevano documentare la realtà, senza filtri. Ci vorranno ancora anni per spiegare questo fenomeno, questo nuovo genere di rivolte senza leader, queste proteste di giovani che desiderano un futuro come i loro coetanei occidentali. Rivolte di persone normalissime: studenti, lavoratori, disoccupati, artisti, che chiedono la fine di un regime corrotto e dittatoriale. Proteste di piazza che potrebbero somigliare alle proteste degli studenti degli anni sessanta europee o americane, con la differenza delle dittature da sconfiggere. La libertà che i padri non sono riusciti a chiedere, e se ne scusano in “Confession tunisiennes”, è stata conquistata da quei giovani descritti dal regime come “persone che non hanno niente dentro”, così descrive la situazione il famoso blogger Kalloutcha nel cortometraggio Signé Kalloutcha. Il blogger, come migliaia di tunisini, attraverso facebook riuscivano a comunicare all'esterno la situazione del Paese, completamente nascosta dalla stampa del regime, che invece di informare “mandava in onda documentari sugli animali”, dice un giornalista nel film Zaba et les Médias. Impressiona l'attualità di Sans plomb, una fiction che racconta la protesta di un ragazzo che, disperato per la mancanza di lavoro, si reca in un ufficio della sua città e si sparge di benzina, minacciando di incendiarsi se qualcuno non risolveva la situazione. Il lavoro gli era stato trovato. Si conclude con la fila di ragazzi alla pompa di benzina che si accingevano a ripetere la scena. Girato nel 2006, quando nessuno poteva immaginare che quel gesto, portato alle estreme conseguenze da un altro ragazzo nel 2010, avrebbe significato per il futuro del Mediterraneo.
La Tunisia, paese che ha dato vita alla primavera araba, sta dimostrando di voler trasformare il paese in una repubblica democratica, “le recenti elezioni hanno dimostrato la massima partecipazione politica, che riflette la grande discussione civile che sta affrontando il paese”. Ci spiega in sala Jalila Baccar, attrice tunisina di cinema e teatro che ha firmato con il drammaturgo e regista Fadhel Jaibi, Amnésia, il suo testo “profetico” con il quale ha anticipato la caduta del dittatore Ben Ali e la rivoluzione tunisina. Una rivoluzione che non è un cambio da un regime ad un altro, questa volta ci si aspetta un cambio radicale della gestione politica, della costituzione, della società. Una primavera araba, appunto.
Questa sera la rassegna sarà dedicata alla Turchia, paese ospite di questa edizione. La serata ha come titolo Turchia: corti tra oriente e occidente, dieci lavori che presentano un paese in continua evoluzione, da sempre punto di passaggio tra la cultura orientale e quella occidentale. Paese che ispira gran parte dei giovani rivoluzionari dei paesi arabi, per la mediazione riuscita tra valori laici e religiosi. La scelta del cinema turco è stata facile anche per la grande qualità e importanza raggiunta a livello internazionale, qualità che si potrà assistere in questa imperdibile occasione.

Dal 4 all'8 dicembre la settima edizione di Passaggi d'Autore: intrecci mediterranei
 
“Passaggi d’Autore: intrecci mediterranei” è una rassegna internazionale di cortometraggi che si svolge a Sant’Antioco dal 4 all'8 dicembre, ad opera del Circolo del Cinema “Immagini”. La rassegna dedicata esclusivamente a cortometraggi di giovani registi dei paesi dell'area mediterranea, giunge nel 2011 alla settima edizione.
Registi e film provenienti da quindici paesi diversi: dalla Grecia, all'Egitto, dalla Palestina alla Tunisia, passando per l'Italia e la Sardegna, che continua ad essere un’isola crocevia di culture diverse. La manifestazione, fin dalla sua prima edizione, si pone l’obiettivo di presentare al pubblico giovani registi, le cui opere sono state premiate dai più importanti festival internazionali: da Taormina a Cannes, da Madrid a Roma.

 

  • Edizione 2011

Dal 4 all'8 dicembre la cittadina sulcitana ospita la cinque giorni di cinema, occasione imperdibile per assistere alla proiezione di circa cinquanta cortometraggi. Ogni sera saranno presenti alcuni registi dei cortometraggi in visione, disponibili a confrontarsi con il pubblico, mettendo in pratica un dialogo interculturale, tradizione mediterranea per eccellenza.
I film di questa edizione danno particolare rilevo alla donna, figura fondamentale della cultura mediterranea. Le donne protagoniste delle rivolte nel mondo arabo, della tradizione sarda, dello sviluppo economico e sociale in Turchia.
La prima giornata della rassegna riserva un'attenzione particolare alla “primavera araba”, agli sconvolgimenti politici che interessano alcuni Paesi del Nord Africa e dell’area mediorientale. Il cinema diventa, mai come in questo caso, comunicazione e cronaca della realtà; racconto vivo di ciò che accade nella sponda sud del Mediterraneo. Alcuni cortometraggi sono stati girati durante la rivolta tunisina dagli allievi del grande regista Nouri Boudiz, docente all’Ecole des arts et du cinema di Tunisi; altri realizzati in Siria da giovani registi siriani appartenenti al Collectif Abounaddara e diffusi nel web ogni venerdì, giorno di preghiera e di protesta.
Saranno presenti alla serata Mohamed Challouf e Jalila Baccar, attrice tunisina di cinema e teatro che ha firmato con il drammaturgo e regista Fadhel Jaibi, Amnésia, il suo testo “profetico” con il quale ha anticipato la caduta del dittatore Ben Ali e la rivoluzione tunisina.

  • Paese ospite


L’ospite d’onore di questa edizione è la Turchia. Il cinema turco ha raggiunto negli ultimi anni grandi risultati, riuscendo a conquistare premi e riconoscimenti nei più importanti festival internazionali. La scelta della Turchia è legata anche alle rivendicazioni dei giovani protagonisti delle rivoluzioni arabe, che vedono nel paese un possibile modello politico. Un paese che ha attuato una concreta mediazione tra cultura laica e religiosa, ma dove persistono tuttora diverse contraddizioni, come ad esempio il rapporto del governo con la popolazione curda.
La Turchia è oggi un Paese di quasi ottanta milioni di abitanti, la maggior parte dei quali vive nelle grandi metropoli; lo stile di vita di queste città si contrappone a quello dei villaggi rurali dell’Est, la cui popolazione conduce una vita più legata alle tradizioni. I cortometraggi selezionati nella sezione “Turchia: corti tra oriente e occidente” descrivono un Paese al confine tra l'Europa e la variegata realtà mediorientale e offrono un’ampia panoramica sul dualismo tra modernità e tradizione che caratterizza la nazione turca. Alcuni sono realizzati da registi curdi, e mettono in evidenza aspetti legati ai rapporti tra Stato turco e minoranza curda, che rappresenta il 18% della popolazione del territorio (approssimativamente 14 milioni).
Saranno presenti alla serata Idil Ar, Serhat Karaaslan, Erol Mintas

  • Intrecci mediterranei


La sezione “intrecci mediterranei” rispecchia l'obiettivo della rassegna: l’occasione di creare incontri e contatti tra le differenti tradizioni della grande cultura mediterranea. Si possono ammirare cortometraggi selezionati e premiati nei più importanti festival internazionali, che trattano diverse tematiche legate ai territori ma allo stesso tempo universali: la condizione femminile, l’infanzia, l’immigrazione, l’emarginazione sociale.
La sezione prevede 29 cortometraggi, presenterà nell’arco di tre serate, le eccellenze dell’arte cinematografica del Mediterraneo provenienti da: Francia, Spagna, Italia, Grecia, Israele, Palestina, Croazia, Algeria, Libia, Egitto, Marocco, Libano e Tunisia.
Si proiettano, fra gli altri, quattro cortometraggi che fanno parte del progetto “
Coffee between reality and Immagination” finanziato dall’Università di Tel Aviv. Progetto che si ispira al caffè, bevanda legata all’identità culturale e alla realtà sociale della Palestina e di Israele. In questo progetto giovani registi palestinesi e israeliani hanno lavorato insieme e in totale libertà alla realizzazione dei loro cortometraggi.
Come tradizione, la rassegna riserva uno spazio importante alla cinematografia sarda, proponendo in apertura di ogni serata cortometraggi di registi isolani.
Saranno presenti Carolina Melis, Maria Reyes Arias Gonzáles, Pasquale Marino nella serata del 6 dicembre; Franco Fais, Sèbastien Carfora, Bernard Tanguy, Murad Nassar, Aya Somech, (gli ultimi due hanno partecipato al Coffee project) nella serata 7 dicembre; Paolo Zucca, Adriano Sforzi, Theo Putzu la serata dell’8 dicembre.
Passaggi d'Autore: intrecci mediterranei prevede anche altre attività nell'ambito della manifestazione, dedicate ai ragazzi e ai bambini.

  • CortoAmbiente


La sezione CortoAmbiente, dedicata interamente alle scuole, ha l’obiettivo di sensibilizzare i giovani alle tematiche ambientali attraverso il mezzo cinematografico, creando i presupposti per un futuro ecosostenibile. La visione di cortometraggi e l’analisi condotta con l’aiuto di esperti del settore, fornirà agli studenti spunti e strumenti per meglio affrontare le problematiche relative al riciclo dei rifiuti, al risparmio delle risorse energetiche e al deturpamento del paesaggio. La sezione è curata da CINEMAMBIENTE Environmental Film Festival di Torino, che dal 1998 presenta i migliori film ambientali dell’anno e contribuisce, con un lavoro di ricerca e promozione, all’affermazione e allo sviluppo del cinema a tematica ambientale.
CortoAmbiente prevede una selezione di cortometraggi rivolta agli alunni della quinta elementare e della prima media e una rivolta agli studenti delle scuole superiori. Le proiezioni si svolgono al mattino.

  • Laboratori


La settima edizione comprende due laboratori.
Il primo, "La traduzione multimediale per il cinema e la televisione", per il secondo anno consecutivo è realizzato in collaborazione con il Liceo Linguistico di Sant'Antioco.
Il secondo, novità di questa edizione, è il laboratorio "La Magia del Cinema", rivolto ai bambini di cinque anni della scuola d’infanzia, i quali, attraverso un approccio ludico e visivo, verranno sollecitati ad esplorare le diverse tecniche di animazione.
Un’altra novità di quest’anno è il concorso fotograficoUn’isola per una location
Il Circolo del Cinema “Immagini” bandisce il concorso fotografico “Un’isola per una location” inserito nella manifestazione “Passaggi d’Autore: intrecci mediterranei”, con la partecipazione dell'ufficio Film Commissione della Regione Sardegna. Aperto a tutti, sia professionisti sia semplici appassionati di fotografia, il concorso invita a ricercare e fotografare siti o eventi legati alla tradizione dell’isola di Sant’Antioco, adatti ad essere trasformati in set cinematografici per l’ambientazione di film di vario genere, spot pubblicitari, ecc.
Il concorso è diviso in tre sezioni: Archeologia, Ambiente, Centri abitati ed Eventi, per ognuna delle quali è previsto un premio del valore di 500 € in apparecchiature video-fotografiche. La partecipazione è gratuita e la scadenza per l’invio delle foto è fissata per il 7 dicembre 2011.
Info:
Biglietti: l'ingresso a tutte le serate è gratuito, si consiglia di arrivare in orario o in anticipo per poter trovare posto.
Orario: h. 18
Luogo: Sala consiliare del Comune, Corso Vittorio Emanuele, 115, Sant'Antioco (CI)
Contatti:
tel - 328 9576482 / 340 6066782
mail -
info@passaggidautore.it
web - www.passaggidautore.it
facebook – "Passaggi d'autore: intrecci mediterranei", cortometraggi dal Mediterraneo


Programma 2011
La rassegna si articola in cinque serate e prevede la proiezione di circa cinquanta cortometraggi in lingua originale con sottotitoli in italiano e in inglese:
Domenica 4 dicembre
Ore 18, Primavera araba e Cinema

  • Once upon a time in Syria, Collectif Abounaddara, Siria, 2011, 1’01”

 

  • Vanguard, Collectif Abounaddara, Siria, 2011, 1’22”

 

  • Rima, Collectif Abounaddara, Siria, 2011, 1’31”

 

  • Un-Holiday, Collectif Abounaddara, Siria, 2011, 1’53”

 

  • Under Damascus' sky, Collectif Abounaddara, Siria, 2011, 1’40”

 

  • The End, Collectif Abounaddara, Siria, 2011, 3’12”

 

  • Confessions tunisiennes, Imen Ben Mlouka, Tunisia, 2011, 6’

 

  • Sans Plomb, Samy Tlili, Tunisia, 2006, 7’

 

  • Zaba et les media, Hassen Abdel Ghani, Tunisia, 2011, 12’

 

  • Signé Kalloutcha, Haytem Kemir, Tunisia, 2011, 12’

 

  • Chaos, Zekri Achref, Tunisia, 2011, 18’

 

  • Yasmine et la Révolution, Karin Albou, Francia, 2011, 9’



Lunedì 5 dicembre
Ore 10:30, CortoAmbiente (proiezione per le scuole elementari e medie)

  • Animals save the planet, Lester Mordue, Gran Bretagna, 2007, 6’

 

  • Gli angeli della spazzatura, Pierre M. Trudeau, Canada, 2008, 5’

 

  • La notte dei rifiuti viventi, Marco Gisotti, Italia, 5’

 

  • Second hand, Isaac King, Canada, 2011, 7’

 

  • La catena, Vincenzo Gioanola, Italia, 2008, 3’

 

  • Vita di vetro, Vincenzo Gioanola, Italia, 2008, 2’

 

  • Il signor Meier e l’impronta ecologica, Ellen Seibt, Germania, 2010, 11’



Ore 18, Turchia: corti tra oriente e occidente

  • Pera Berbange, Arin Inan Arslan, 2010, 15’

 

  • Kahve Isi, Tugce Sonmez, 2010, 6’

 

  • Istanbul, Idil Ar, 2010, 4’

 

  • Aynur, Tan Akinsal, 2009, 19’

 

  • Bisqilet, Serhat Karaaslan, 2010, 17’

 

  • Kagittan Cinayetler, Selin Cevizli, 2010, 5’

 

  • Berf, Erol Mintas, 2010, 20’

 

  • Phone Story, Binevsa Berivan, 2009, 16’

 

  • Berîya Tofanê, Ferit Karahan, 2010, 15’

 

  • Film ya da film, Sukru Apaydin, 2010, 11’



Martedì 6 dicembre
Ore 10:30, CortoAmbiente (proiezione per le scuole superiori)

  • Italia incompiuta, Benoit Felici, Italia, 2010, 33’

 

  • Plastica e vetro, Tessa Joosse, Francia, 2009, 9’

 

  • Una storia in comune, Alessio D’Amico, Italia, 2010, 16’

 

  • Zero waste, Victor Ibanez, Italia, 2011, 31’


Ore 18, Intrecci mediterranei

  • Le fiamme di Nule, Carolina Melis, Italia, 2010, 8’

 

  • A man's shadow, Tamer El Mahdy, Egitto, 2010, 5’

 

  • L'accordeur, Olivier Treiner, Francia, 2010, 14’

 

  • Una caja de botones, Maria Reyes Arias González, Spagna, 2010, 23’

 

  • Casus Belli, Yorgos Zois, Grecia, 2010, 11’

 

  • L'estate che non viene, Pasquale Marino, Italia, 2011, 17’

 

  • Rima in Beirut, Ghina Hachicho, Libano, 2011, 14’

 

  • La gran carrera, Kote Camacho, Spagna, 2010, 7’

 

  • A cor et à cri, Brice Pancot, Francia, 2010, 29’

 

  • 108.1 FM RADIO, Angelo & Giuseppe Capasso, Italia, 2011, 15’

 

  • Partage, Selah Ghuwedri, Libia, 2010, 10’



Mercoledì 7 dicembre
Ore 18, Intrecci mediterranei

  • Le regine di Austis, Franco Fais, Italia, 2011, 15’

 

  • Birdboy, Pedro Rivero e Alberto Vázquez, Spagna, 2010, 13’

 

  • Hurlement d'un poisson, Sèbastien Carfora, Francia, 2010, 20’

 

  • Al servizio del cliente, F. Bozzetti, B. Tufarulo, Italia, 2010, 6’

 

  • Wajeh, Murad Nassar, Palestina, 2010, 16’

 

  • Eva is leaving, Aya Somech, Israele, 2010, 16’

 

  • Je pourrais être votre grand-mere, Bernard Tanguy, Francia, 2010, 19’

 

  • Caffè Capo, Andrea Zaccariello, Italia, 2010, 12’

 

  • Garagouz, Abdenour Zahzah, Algeria, 2010, 22’



Giovedì 8 dicembre
Ore 16:30 La Magia del Cinema
Proiezione del cortometraggio realizzato dai bambini della Scuola dell’Infanzia Statale.
Ore 18, Intrecci mediterranei

  • Cuore di clown, Paolo Zucca, Italia, 2010, 14’

 

  • Tasnim, Elite Zexer, Israele, 2010, 12’

 

  • Courte vie, Adil El Fadili, Marocco, 2010, 17’

 

  • Jody delle giostre, Adriano Sforzi, Italia, 2010, 13’

 

  • Lel chamel, Youssef Chebbi, Tunisia, 2010, 16’

 

  • Paper memories, Theo Putzu, Italia, 2010, 7’

 

  • Mezanin, Dalibor Matanić, Croazia, 2011, 14’

 

  • The clock and the man, Gazi Abu Baker, Palestina, 2010, 11’

 

  • La ultima sequencia, Arturo Ruiz Serrano, Spagna, 2011, 13’



Alla fine delle proiezioni il pubblico potrà dialogare con i registi presenti in sala.
Il lavoro di ricerca e di selezione dei cortometraggi è curato dal Circolo del Cinema “Immagini” con la collaborazione del CinemAmbiente Environmental Film Festival di Torino, la ECAM (Escuela de Cinematografia y del Audiovisual de la comunidad de Madrid), la Filmoteca Vasca KIMUAK, la Fèmis (Ecole nationale supèrieure des métiers de l’image e du son de Paris), il Film and TV Department dell’Università di Tel-Aviv, l’Ecole des Arts et du Cinema di Tunisi, Iesav (Institute d'Etudes Sceniques, Audiovisuelles et Cinematographiques) di Beirut, coffeeproject di Tel Aviv, il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, e l'ISRE di Nuoro.
La direzione artistica è stata affidata al regista tunisino Mohamed Challouf, presidente dell’Association Culturelle Afrique-Méditerranée di Sousse (Tunisia) organizzatrice della rassegna “Les Rencontres Cinématographiques de Hergla”, con la quale “Passaggi d’Autore: intrecci mediterranei” è gemellata dal 2009.

postato da: Sara Chessa alle ore 01/12/2011 10:18 | link | commenti | categorie: sant antioco, film o documentario, 2011 12 07, 2011 12 06, 2011 12 04, 2011 12 05, 2011 12 08

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

mercoledì, 30 novembre 2011

 

postato da: Sara Chessa alle ore 30/11/2011 11:24 | link | commenti | categorie: cagliari, convegno seminario conferenza, centro studi bentzon

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

martedì, 29 novembre 2011

PREMIO LETTERARIO MASKARAS XI EDIZIONE

Gentili autrici/autori ammessi alla classifica finale della XI edizione del Premio letterario Màskaras.

Sono lieto di comunicarvi che le vostre opere sono state incluse nella classifica finale del Premio Màskaras e che pertanto siete invitati alla festa di premiazione che si terrà al Teatro comunale di Terralba domenica 11 dicembre alle ore 17,00. Come da consuetudine, La giuria letteraria, presieduta quest'anno dal Prof. Matio Puddu, riunita nella stessa giornata contestualmente allo svolgimento dello spettacolo, indicherà i nomi dei primi classificati e di quanti riceveranno menzioni d'onore. Tutti gli autori partecipanti riceveranno in dono pubblicazioni, una bottiglia di vino bovale doc a ricordo e pergamena. I primi classificati, tre per ogni sezione, e le menzioni riceveranno anche i trofei.

Vi attendo con piacere e vi saluto caramente. Il direttore del Premio

Giovanni 
Paolo Salaris
 

AUTORI FINALISTI
Poesias (Sez. Peppino Ghiani)

 

Martis Ignazio -Terralba
Manca Teresina -Terralba
Porceddu Antonio  Bonorva 
Pinna Salvatore -Sassari
Fedelia Masala  Sassari
Costantino Mirai -Cabras
Giovanni Agus noto grillo - Villagrande Strisaili.
Nanni Murtas -Santu Lussurgiu
Antonio Sanna - Bortigali
Maria Murgia - Atzara
Armanda Mannai  - Terralba
Anna Buonomo  -Sassari
Pietro Peigottu  - Sassari
Gino Farris - Nuoro.
Maria Bonaria Putzolu- Terralba
Vincenzo Piu - Cagliari
Antonio Lampis,  Arbus
Mariano Sanna, Cagliari
Stefano Arru Sassari
Angela Costanzo  Sassari
Giuseppina  Schirru - Sassari
Filippo De Cortis - Torregrande Oristano
Leonardo Porceddu -Mogoro
Mario Nurchis -Sassari
Francesco Chessa Nuoro
Antonio Piras  - Scano Montiferro
Angelo Maria ArduFlussio
Luigi Suergiu - Selargius  -
Angelica Piras - Elmas
Piga Francesco, Santulussurgiu
Tonino Fancello - Dorgali
Franco Maccioni  SCANO MONTIFERRO

 

 
Verranno anche premiati i ragazzi dell’Associazione Elighes Uttiosos di Santulussurgiu.(Sez. Ragazzi  “Luigi Atzei”).
Contus(Sez. Felice Porcella)


Costantino Mirai -Cabras
Pier Giuseppe Branca - Sassari
Frantzisca Manca - Santu Lussurgiu
Teresina Manca Terralba
Maria Chiara Firinu - Fraz. Bindua  - Iglesias
Sandro Biccai - Sindia
Pietro Peigottu Sassari
Mariantonia Fara _Sassari
Fabio Porcu ORISTANO
Gigi Tatti     Arbus
Martina Marongiu -Sestu
Giancarlo Secci Quartu S. Elena.
Katia Debora Melis -Cagliari 

postato da: Sara Chessa alle ore 29/11/2011 09:58 | link | commenti | categorie: concorso

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

lunedì, 28 novembre 2011

Oristano - Eleonora D'Arborea


Venerdì 7 dicembre 2011 al Teatro Garau di Oristano, ore 21,30, si terrà lo spettacolo “Eleonora d’Arborea”. Il ricavato della serata sarà devoluto interamente al Comitato RUDI onlus per GoFAR, in favore della ricerca scientifica sulla patologia genetica Atassia di Friedreich.

postato da: Sara Chessa alle ore 28/11/2011 09:41 | link | commenti | categorie: teatro, oristano, medas, 2011 12 07

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

sabato, 26 novembre 2011

Carlino - "Cjarlins, Friûl, Europe. Lenghis, dirits, oportunitâts"

 

 

 

postato da: Sara Chessa alle ore 26/11/2011 10:54 | link | commenti | categorie: altre minoranze linguistiche, convegno seminario conferenza, 2011 12 06

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

venerdì, 25 novembre 2011

Quartu Sant'Elena - Presentazione del libro e inaugurazione mostra “Storie di comunità"

Celebrazioni per il 150° Anniversario dell’Unità Nazionale"
“Storie di comunità, Quartu e il Campidano di Cagliari nell’età del Risorgimento”
Sabato 3 dicembre – ore 17.30 - Ex - Convento dei Cappuccini


Quartu Sant’Elena, 2 dicembre 2011 – La vita quotidiana nel Campidano di Cagliari e le vicende che portarono alla formazione dello Stato unitario. Il racconto avvincente di una fase cruciale della storia italiana attraverso documenti d’archivio, materiale iconografico e pannelli illustrativi.
Sarà inaugurata sabato 3 dicembre, alle 17.30, nei locali dell’ex Convento dei Cappuccini (Via Brigata Sassari – Quartu Sant’Elena) la mostra “Storiedi comunità - Quartu e il Campidano di Cagliari nell’età del Risorgimento”, organizzata dall’Amministrazione comunale di Quartu Sant’Elena, con il contributo della Provincia di Cagliari, nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia.
L’esposizione, curata da Angela Demontis (ideatrice della mostra “Il Popolo di Bronzo”), prende spunto dall’omonimo studio di Carlo Pillai “Storie di comunità – Quartu e il Campidano di Cagliari nell’età del Risorgimento”, pubblicato anche in lingua sarda. La ricerca ricostruisce la trasformazione sociale ed istituzionale delle comunità di villaggio della Sardegna in età sabauda, con il passaggio da un sistema di tipo feudale alle più moderne istituzioni di matrice piemontese. Lo studiosi basa su fonti e documenti originaliinediti provenienti dagli archivi sardi, tra cui l’Archivio di Stato di Cagliari e l’Archivio storico di Quartu Sant’Elena, e dedicherà inoltre una particolare attenzione all’istituzione del Barracellato, organismo teso alla salvaguardia della proprietà privata e alla tutela dell’ordine pubblico.
Gli stessi contenuti saranno ulteriormente sviluppati e valorizzati anche nella mostra, , in cui le varie tappe del percorso storico non solo di Quartu Sant’Elena, ma anche di alcuni comuni limitrofi, saranno illustrate attraverso i documenti originali, le fotografie e le immagini più significative per la vita della “comunità villaggio”, mettendo in evidenza gli aspetti storici, economici e giuridici e alcune delle figure di maggior rilievo politico e sociale.La mostra sarà visitabile gratuitamente sino al 23 dicembre. Il Progetto è stato realizzato con i fondi della L.R.n°26/97 art.13 sulla promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegnae ha ottenuto, dal Comitato interministeriale, l’autorizzazione all’uso del logo istituzionale delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia.
Il 3 dicembre, in occasione dell’inaugurazione della mostra, sarà presentato il libro di Carlo Pillai “Storie di comunità – Quartu e il Campidano di Cagliari nell’età del Risorgimento”. All’incontro saranno presenti, oltre all’autore, il sindaco di Quartu Sant’ElenaMauro Contini, il Presidente della Provincia di Cagliari Graziano Milia e gli assessori comunali Lucio Falqui (Tradizioni Popolari e Lingua Sarda),Antonella Pirastru (Pubblica Istruzione, Sport, Spettacolo e Cultura) e Tito Orrù (Presidente istituto “Storia del risorgimento). (Francesca Balia).

postato da: Sara Chessa alle ore 25/11/2011 10:36 | link | commenti | categorie: libri, mostra, quartu sant elena, 2011 12 03

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

mercoledì, 23 novembre 2011

Sant'Antioco - Passaggi d'Autore: intrecci mediterranei


Mercoledì 30 novembre 2011 alle ore 12,00 presso la Sala Consiliare del Comune di Sant'Antioco, alla conferenza stampa di presentazione della settima edizione della rassegna internazionale di cortometraggi Passaggi d'Autore:intrecci mediterranei che si terrà a Sant'Antioco nei giorni 4, 5, 6, 7 e 8 dicembre 2011.

Nel corso della conferenza stampa verrà illustrato dagli organizzatori il programma completo della rassegna. La manifestazione propone quest'anno un'edizione ricchissima, che unisce la Sardegna alle molte culture del Mediterraneo.

postato da: Sara Chessa alle ore 23/11/2011 11:25 | link | commenti | categorie: sant antioco, film o documentario, 2011 12 07, 2011 12 06, 2011 12 04, 2011 12 05, 2011 12 08

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Dolianova - Terra Mala di e con Rossana Copez e Giovanni Follesa

MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI
in collaborazione con
Biblioteca Comunale
Assessorato alla Cultura
La Memoria storica soc. coop.
 
presenta

 

 

sabato 26 novembre alle 18,00
Biblioteca Comunale - Dolianova



 

Terra Mala - Il Maestrale, di e con Rossana Copez e Giovanni Follesa


 

Sabato 26 novembre a Dolianova, alle 18,00 alla Biblioteca Comunale di piazza Europa, Terra Mala, Il Maestrale, di e con Rossana Copez e Giovanni Follesa. Presenta Giuseppe Pusceddu.
Terra Mala - Tempeste, barche e voci imploranti aiuto, un'acqua che erompe da un tempo oscuro e remoto: le notti di Adele - stralunata avvocatessa romana con un debole per i fiorellini e i vestitini arricciati - sono abitate da incubi che al risveglio si trasformano in una pelle dal sapore salmastro. Incubi che, lentamente, la stanno consumando. Decide così di rivolgersi al dottor Sainas, ambiguo psicanalista che, per curarla, la spedisce inspiegabilmente in Sardegna. Titubante e disperata, Adele si reca nell'isola per tentare di capire cosa le stia accadendo. In una Cagliari che le apparirà come un "santuario di luce", incontra Gabriele - appassionato di occultismo - che la condurrà in un mondo d'amore e morte: cosa cerca ossessivamente il ragazzo in quelle sedute medianiche? E cosa lega Adele a don Pierpaolo, un prete in conflitto, diviso tra l'amore per Dio e quello per una donna? Perché il dottor Sainas sembra essere così coinvolto dalla vicenda della sua paziente? Le risposte conducono in luoghi ancestrali e marini, dove è nascosto un tesoro. Un thriller esoterico dai cupi contorni; una storia lunga cinquecento anni che, attraverso il fluire del tempo, troverà la sua compiutezza.

Rossana Copez e' nata e vive a Cagliari con tre gatti. Ha collaborato con quotidiani e riviste. Ha curato diverse opere sulla cultura e sulla storia della Sardegna, tra cui Sagre, riti e feste popolari in Sardegna (Janus 1987) e Il porto di Cagliari: la storia e le storie (Janus 2002). Con Sergio Atzeni ha scritto Fiabe Sarde (Zonza 1978; Condaghes 1996). Con Tonino Oppes, Tutti buoni arriva Mommotti (Condaghes 2008). Con Mohammed Ayyoub, Fiabe palestinesi (Condaghes 2009). Per Il Maestrale ha pubblicato nel 2004 il romanzo Si chiama Violante.
 
Giovanni Follesa vive a Quartu Sant'Elena, e' giornalista e si occupa di comunicazione istituzionale e politica. Ha fondato e diretto il quotidiano l'Obiettivo. Scrive d'arte contemporanea per riviste e periodici. Per la Provincia di Cagliari ha ideato e curato la pubblicazione dei quattro volumi Aria, Terra, Fuoco, Acqua (2006 e 009). Ha scritto con Piergiorgio Molinari il romanzo Le truppe carrellate (Ati Editore 2006).
 

postato da: Sara Chessa alle ore 23/11/2011 11:18 | link | commenti | categorie: libri, dolianova

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Elmas - Cagliari, tra parole e immagini



Mercoledì 23 Novembre alle h. 19 presso il Centro Servizi culturali didattici e formativi L’Alambicco di Via Temo 30 (prolungamento di Via Tirso) a Elmas avrà luogo CAGLIARI TRA PAROLE E IMMAGINI, presentazione del libro “Tzacca stradoni!Racconti della mala cagliaritana” di Gianni Mascia e del corto “Kyrie Eleison (Fillepreri)” di Bepi Vigna. Ne parleranno con gli autori Alessandro Macis e Roberta Locca. Info: 070216606 - 3280615046

postato da: Sara Chessa alle ore 23/11/2011 11:13 | link | commenti | categorie: libri, gianni mascia, elmas, film o documentario

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Quartucciu - Recital di poesie del mese di Novembre


Riprendono finalmente i nostri recital di poesie, come sempre organizzati dall'Associazione culturale " Impari po imparai"  in collaborazione con la locale Pro Loco e l'Assessorato alla cultura del Comune di Quartucciu.
Il prossimo avrà luogo venerdì 25 novembre, alle ore 17,30, sempre nei locali della DoMusArt ( ex Casa Angioni), via Neghelli.
A tutti i convenuti, come al solito, verrà data in omaggio copia del libretto contenente le poesie che saranno recitate.
La vostra presenza e quella degli amici che vorranno accompagnarvi sarà, come sempre, particolarmente gradita.

Angelo Spiga

postato da: Sara Chessa alle ore 23/11/2011 11:02 | link | commenti | categorie: quartucciu, impari po imparai, recital reading letture o poesia

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

Quartucciu - IV edizione del "Concorso di Poesia Quartucciu 2011"

 


Libretto con le poesie premiate


 

Click sulla foto per ingrandirla, click sul nome per vedere il filmato.


Il Presidente del Premio di Quartucciu Angelo Spiga

Angelo Spiga

L'Assessore alla cultura di Quartucciu Damiano Paolucci

Damiano Paolucci

Il Presidente della Pro Loco di Quartucciu Sig.ra Anna chiara Loi

Anna Chiara Loi

giuria

Saluto a Nanni Molinero

Prof. Ettore Casu, presidente commissione per la Lingua Italiana

Prof. Ettore Casu

Giovanni Piga, Presidente commissione Lingua Sarda

Giovanni Piga

Gianfranco Garrucciu di Tempio Pausania: Canti 'Olti

Gianfranco Garrucciu

Tomaso Melis di Iglesias: Ricordo una sera d'estate

Tomaso Melis

Salvatore Ladu di Mamojada: Mudu su Sartu

Salvatore Ladu

Giovanni Pira di Orgosolo: Ijerru

Giovanni Pira

Gonario Carta Brocca di Dorgali: Buffadores de sonnios

Gonario Carta Brocca

Camillo Corona di Quartucciu: Beni benius

Camillo Corona

Mimiu Maicu di Santulussurgiu: S'Attrivida

Mimiu Maicu

Nanni Murtas di Santulussurgiu: Nademi chie seo

Nanni Murtas

Maria Josè Marongiu di Gonnosfanadiga: Sogno Giovanile

Maria Josè Marongiu

Mimiu Maicu di Santulussurgiu: Primavera a Cagliari

Mimiu Maicu in Italiano

Maria Antonina Busalla di Nuoro: Tornare a casa

Maria Antonina Busalla

Mirella De Cortes di Cagliari: Il tuo amore, come il mare

Mirella De Cortes

Rosaria Floris di Quartu S.E.: Parlerò di te

Rosaria Floris

Giuseppa Sicura di Selargius: Briciole di tempo

Giuseppa Sicura

Gonario Carta Brocca di Dorgali: Paraulas quadas

Gonario Carta Brocca

Maria Rita Farris di Serdiana: Umbras

Maria Rita Farris

Sandro Chiappori di Cagliari: Messaju furuncu

Sandro Chiappori

Gisella Pibiri di Iglesias: Stabiliu d'anti

Gisella Pibiri

Maria Tina Battistina Biggio di Calasetta: Ho sercau a cà di nonni

MariaTina B. Biggio

Marinella Sestu di Iglesia: Su propriu celu

Marinella Sestu

Maria Caterina Martinazzi di Valledoria: La suredda mala

Maria C. Martinazzi

Vincenzo Casu di Quartucciu: Candu su gradinu

Vincenzo Casu

pubblico_1

Premio di Poesia Quartucciu 2011, Pubblico.

Premio di Poesia Quartucciu 2011, Pubblico.

Premio di Poesia Quartucciu 2011, Pubblico.

  Da http://www.francopiga.it/francopiga/index.php/concorso-di-poesia-quartucciu-2011.html









SABATO 22 OTTOBRE, alle ore 10,00, presso il Centro Culturale DoMusArt “ Ex Casa Angioni “ Via   Corongiu,  34 in Quartucciu si terrà la cerimonia di premiazione del Concorso di poesia Quartucciu 2011.


Ore 10,00
Saluto del Sindaco Dott. Carlo Murru
e dell’Assessore alla cultura Signor Damiano Paolucci
Relazione del presidente della commissione
Lingua Italiana – Prof. Ettore Casu
Relazione del presidente della commissione
Lingua Sarda – Signor Giovanni Piga

Ore 10,45
Lettura delle poesie e consegna dei premi.
Coordina: Angelo Spiga,
Presidente del premio

Ore 13,00
Chiusura della manifestazione e degustazione
di prodotti tipici locali.

A tutti i presenti sarà consegnato in omaggio il libretto delle opere premiate.
A fine manifestazione sarà offerta ai presenti una degustazione di prodotti tipici locali.
La tua presenza e quella degli amici che vorranno accompagnarti sarà particolarmente gradita.

Il presidente del premio
Angelo Spiga

postato da: Sara Chessa alle ore 23/11/2011 11:00 | link | commenti | categorie: concorso, quartucciu, recital reading letture o poesia

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")